martedì 26 marzo 2013

ROIJA RESERVA 2006 - D.O.Ca. - Marqués De Riscal



...più che una bella bevuta, mi rimane solo una bella bottiglia vuota sullo scaffale.


Questo é uno dei produttori spagnoli più famosi e conosciuti, tanto che può capitarvi di trovare alcuni dei suoi vini anche qui in Italia. Così, anche se in cuor mio, sapevo che stavo per acquistare un vino che non é proprio nelle mie "corde", mi sono autoconvinto, attirato dalla bella bottiglia retata e la voglia di provare un vino spagnolo della Rioja (oltre ovviamente al prezzo contenuto). Adesso a bottiglia stappata sono qui a raccontarvi, più o meno, di cosa si tratta.



Marqués de Riscal è una delle più antiche cantine della Rioja fondata da Guillermo Hurtado de Amezaga nel lontano 1858, e in breve tempo, grazie alle collaborazioni con enologi di Bordeaux, introduce nuovi vitigni di taglio bordolese e acquisisce le tecniche produttive dei maestri francesi, tanto da essere il primo vino "non francese" ad essere insignito del Diploma d'Onore all'Esposizione di Bordeaux. Da allora ai giorni nostri, con oltre 150 anni di storia vitivinicola alla spalle, questa "faraonica" bodegas ha fatto passi da gigante, diventando una cantina simbolo a livello internazionale, grazie anche al recente progetto "Città del Vino" inaugurato nel 2006, con la nuova e supermoderna struttura dell'architetto Frank O. Gehry, a dir poco spettacolare, il cui design ricorda il museo Guggenheim di Bilbao, il più famoso e conosciuto progetto firmato dal famoso architetto canadese.



Una cantina antica ricca di storia e tradizioni, ma sempre al passo con i tempi (e lo si sente anche nella sua Reserva), in continuo rinnovamento, sempre pronta ad acquisire nuovi vigneti e nuove fette di mercato internazionale. Non solo vino nella "Ciudad del Vino", ma anche un lussuoso hotel, un ristorante stellato, una spa dove si pratica la vinoterapia, enoteca, eventi, attrazioni turistiche ecc.... insomma, siamo distanti anni luce dall'idea del vignerons, della piccola cantina a conduzione familiare, il mondo del vino, quello rurale che più mi sta a cuore... provate a cercare una foto di questa avveneristica struttura, tanto bella a vedersi, diciamo pure una “figata”, ma che impatto ha una struttura del genere in un ambiente tipicamente agricolo? Insomma se mi sono permesso di criticare il cubo e l'acino di Ceretto, in quanto opere futuriste che poco hanno da spartire con l'immagine di Langa che porto nel cuore, figuratevi questa bodegas del futuro...



Comunque passando al vino... anche qui i numeri fanno impressione, 1500 ettari vitati per la produzione di vino rosso, con uve Tempranillo, Graciano, Mazuelo e Cabernet Sauvignon e oltre 450 ettari per i bianchi con varietà Verdejo e Sauvignon Blanc. Immaginatevi la cantina, le dimensioni della barricaia, i tini di acciaio per la fermentazione, ma immaginatevi anche la vecchia cantina, quella originaria dove vengono conservate tutte le bottiglie di ogni singola annata, praticamente un concentrato di oltre 150 anni di storia. Qualcosa di monumentale…



Il vino che stappo é fondamentalmente a base di uve Tampranillo (90%) con aggiunta di Graciano e Mazuelo. Vigneti con oltre 15 anni di età su terreni calcareo argilloso situati nella Rioja Alavesa. 12 giorni di fermentazione a temperatura controllata e ben due anni di affinamento in botti di rovere americano e un anno in bottiglia. Da qui la denominazione Roija D.O.Ca Reserva.


Nel bicchiere sfoggia un rosso rubino scuro e profondo, piuttosto fluido e pulito. Il naso è di media intensità e persistenza, con un bouquet che "spinge" ma anche scontato e onestamente, non elegantissimo. C’è una decisa vena alcolica (14%vol.) a scaldare e pungere, per il resto frutta nera matura, un pizzico di spezie, una sensazione amarognola di tostatura, ma soprattutto un sacco di legno. Poco fresco e poco aperto. Al palato attacca austero, ma basta un sorso per “fare la bocca” e offrirci il suo stile internazionale, virando su note più dolciastre, un tannino "tosto" ma una certa semplicità di fondo, con poca capacità evolutiva e senza grossi punti di interesse, prima di spegnersi e ricordarci ancora una volta, che è un vino a cui piace esprimere il legno. 


Tendenzialmente piuttosto corto e didascalico, anche se di buon corpo e impatto. Pur realizzato attraverso l’utilizzo di uve autoctone e tipiche del territorio della Roija, il vino sembra rispecchiare il nuovo corso evolutivo della cantina, ovvero puntare sul moderno e “l’american style”. Metteteci anche un utilizzo dei legni piuttosto“vigoroso”, che rende la beva un po' seduta e alla lunga stancante. Come dire due piedi in una scarpa… o punti sulla valorizzazione delle uve autoctone, oppure se vuoi produrre un vino internazionale, tanto vale andare sul taglio bordolese e un utilizzo delle barriques meno invasivo, avremmo si un vino scontato, ma almeno piacevole ed elegante, con un tannino setoso ecc… e tutte quelle cose che spesso scrivo in merito ai vini bordolesi. Indubbiamente da una “riserva” che viene commercializzata dopo 3 anni di affinamento mi aspettavo qualcosa di più "importante" e con più "personalità".


Al di la di tutto rimane un vino di discreto livello, siamo comunque su una fascia di prezzo tra le 15 e le 18 euro, non possiamo definirlo un “vinaccio”, ma il rapporto qualità/prezzo è discutibile, soprattutto pensando a quanti (anche nostrani) eccellenti vini posso trovare su queste cifre (un qualsiasi Chianti classico fatto come tradizione comanda ad esempio..) 


Un po’ sono deluso e più che una bella bevuta, mi rimane solo una bella bottiglia vuota sullo scaffale.


2 commenti:

  1. dopo aver letto la descrizione mi aspettavo un 5 come voto :-)

    p.s. che brutto quell' edificio "Ciudad del Vino"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah... in effetti a voler essere più deciso e critico, poteva starci anche una insufficienza.. il voto é così... poco più di un gioco...
      diciamo che pur esprimendo una mia personale visione, cerco di essere obbiettivo e di dare una visione a 360°, sta poi al lettore cogliere il messaggio e capire se quel vino a lui può piacere o meno....
      indiscutibilmente questo vino non mi rappresenta, ma a quanto pare piace a tanti, e comunque raggiunge un certo livello qualitativo... e almeno un 6 se lo merita...
      poi secondo il mio approcio "critico" é un vino che non vale il prezzo del biglietto.. e non lo comprerò più...

      Elimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.