venerdì 13 gennaio 2012

BACCANERA 2007 - Langhe D.O.C. - Cascina Lo Zoccolaio

...Lasciate svinare un’oretta e nel frattempo mentre preparate il soffritto per il risotto, mettete nel vostro lettore mp3  “Dig your own hole” dei Chemical Brothers. E’ la botta di energia necessaria per ballare davanti ai fornelli e non smettere mai di girare il riso, operazione fondamentale per una buona riuscita. I bassi grassi, gonfi e “burrosi” di Elektrrobank favoriranno la perfetta mantecatura finale, per un risotto dalla cremosità invidiabile. 


Decido di iniziare il 2012 con una bottiglia langarola, perché quando penso a quelle colline e ai suoi ottimi vini mi riconcilio sempre con il mondo del vino (anche se poi, a ben vedere, anche li non è tutto oro quel che luccica…). Quindi meglio iniziare bene il nuovo anno, lasciare perdere gli articoli con "scazzo" apparsi nelle ultime settimane su Bibenda  (attacco ai blogger) e GQ (la diatriba Nossiter-Ristoratori) e parlare di questo Langhe D.O.C. della cantina Lo Zoccolaio.

E’ la prima bottiglia che bevo di questa casa vinicola, che ho acquistato casualmente (come ogni tanto mi piace fare) attirato dalla bella veste grafica e dal costo abbastanza contenuto (10-12 euro). Mi son detto, cià.. proviamola…  alla fine bisogna assaggiare il più possibile… la curiosità nel provare una boccia mai stappata prima è sempre alta, le conclusioni, le tiriamo dopo l’ultimo bicchiere.

Allora posso dirvi che si tratta di una cantina con sede a Barolo, dimensioni medie (20 ettari) e produzione incentrata ovviamente sul vitigno Nebbiolo (11,3 ettari), con 2 versioni di Barolo (Normale e il cru Ravera), oltre alla Barbera, il Dolcetto, il Pinot Noir e al più “moderno” Langhe D.O.C. dove oltre agli autoctoni Barbera e Nebbiolo viene mischiato il solito Cabernet Sauvignon (30%).

Non sono un fans di questi mix tra vitigni tipici e altri internazionali, soprattutto in zone ad alta vocazione vinicola e di grande tradizione come le Langhe. Comunque… assaggiare si assaggia tutto, non voglio fare il prevenuto, chiaro è che se fossi io il vignaiolo farei altre scelte e una volta tanto si dovrebbe obbligare i produttori ad indicare sull’etichetta la tipologia di uvaggio utilizzato, avrei probabilmente optato per un’altra bottiglia…

Una cantina piuttosto moderna nata dalla ristrutturazione di un vecchio cascinale, dalla famiglia Martini, che pur optando per una viticoltura più tecnologica e innovativa, negli ultimi anni è saggiamente tornata ad un processo di invecchiamento più tradizionale, riproponendo l’utilizzo delle botti grandi, dopo aver cavalcato la moda dei vini barricati.

Persiste invece l’utilizzo della botte piccola per questo Baccanera, vendemmiato ad ottobre la fermentazione avviene nelle buuce a temperatura controllata, con vinificazione separata delle uve. Laffinamento avviene in botti piccole per 18 mesi.

Si presenta di color rosso rubino intenso, piuttosto fitto e consistente, ma pulito. Al naso è di buona persistenza, con una vena alcolica (13,5 %vol ) pungente ma non invasiva, accompagna un bouquet piuttosto fine ma pieno, che pur senza spingere troppo sull’acceleratore riesce a regalarci piacevoli sentori di frutta a bacca rossa, legno e spezie (la permanenza in barrique si fa sentire con una lieve nota di tostatura, ma senza infastidire). Anche al palato si conferma un vino ben strutturato e ben preparato. Le caratteristiche dei 3 vigneti impegnati in questo blend sono ben amalgamate, regalandoci un vino tosto, di spessoree piuttosto tannico, ma che sa essere anche fresco e piacevole alla beva, succoso e morbido. Il finale è abbastanza lungo con un retrogusto leggermente speziato e vanigliato.

Nell’insieme un vino davvero ben fatto, dove tutto è ottimamente assemblato, risultando possente ma piacevole e mai pesante.  La bevibilità della Barbera, l'intensità del Cabernet e un pizzico di terroir con il Nebbiolo.

La critica che mi sento di rivolgere a questa bottiglia è di essere troppo tecnica e poco viva, di avere un respiro un po’ troppo internazionale, soprattutto per un vino prodotto in un territorio caratteristico come quello delle Langhe. Comunque ogni cantina è libera di utilizzare le uve che preferisce, visto che la D.O.C. consente di piantare vitigni internazionali.

Piacevole da degustare ma soprattutto come vino accompagnamento, sia per carni rosse, piatti in umido, formaggi, ma soprattutto un bel risotto con i funghi!

Lasciate svinare un’oretta e nel frattempo mentre preparate il soffritto per il risotto, mettete nel vostro lettore mp3  “Dig your own hole” dei Chemical Brothers. E’ la botta di energia necessaria per ballare davanti ai fornelli e non smettere mai di girare il riso, operazione fondamentale per una buona riuscita. I bassi grassi, gonfi e “burrosi” di Elektrobank favoriranno la perfetta mantecatura finale, per un risotto dalla cremosità invidiabile.

Pur divagando da Nossiter ai Chemical Brothers sono riuscito a raccontarvi del Baccanera decisamente valido e apprezzabile… Hey boy, hey girl… basta “paste” con i Chemical, da oggi Langhe D.O.C. e risottino ai funghi…

5 commenti:

  1. complimenti per la descrizione

    ma sei un sommelier?

    RispondiElimina
  2. Ricevuta una per compleanno. Provo e poi ti racconto!!!

    RispondiElimina
  3. Facci sapere Ivano se ti é piaciuto...

    RispondiElimina
  4. spettacolare .......da assaggiare

    RispondiElimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.