sabato 11 giugno 2011

ROERO 2007 - D.O.C.G. - Az. Agr. Giovanni Almondo

...La cosa che più mi colpisce di questo Roero é la capacità di dimostrarsi un vino veramente tosto (per intenderci la mia esclamazione "cazzo che vino" al momento dell'assaggio può essere più esplicativa) ben fatto nella sua semplicità, senza esagerare o caricare troppo il tutto con le note tostate, speziate o di vaniglia ecc..  lasciando intatte e ben in evidenza le caratteristiche del Nebbiolo.

Questa volta parto dal fondo, ovvero dai ringraziamenti. Già, perché il merito per avermi fatto scoprire i vini di Giovanni Almondo va a Walter di Modavini, che quando sono andato a trovarlo nella sua enoteca di Montà per ritirare un cartone di Nebbiolo, alla mia richiesta "consigliami un buon Roero della zona da portarmi a casa" mi ha presentato questa ottima bottiglia. 

E che bottiglia!! Devo ammettere che siamo di fronte ad uno dei migliori acquisti in rapporto qualità-prezzo. Questa famiglia di vignaioli di Montà sono riusciti a stupirci per la qualità e il carattere  del loro Roero. D'altronde l'azienda coltiva e imbottiglia i propri vini proprio nella zona D.O.C.G. del Roero e dell'Arneis, non caso il Roero "Bric Valdiana" e l'Arneis "Bricco delle Ciliegie" sono insieme alla Barbera "Valbianchèra" i pezzi forti dell'agricola Almondo (che spero di poter presto degustare). 

L'azienda agricola a  conduzione famigliare inizia a produrre vino nel 1981, con solo due ettari di vigneto, per crescere progressivamente anno dopo anno e arrivare ai giorni nostri con una produzione di 80.000 bottiglie e ben 15 ettari di vigneti, mantenendo una forte identità famigliare e territoriale. Bene sono questi i vignaioli che più apprezziamo e rispettiamo. 

Ma parliamo di questo Roero D.O.C.G. del 2007, imbottigliato in circa 10.000 unità. Per prima cosa il vitigno, che ovviamente é Nebbiolo al 100% e si sente ad ogni sorso. Vendemmiata ad inizio ottobre, l'uva viene raccolta da un vigneto di 30 anni di età e lasciata a macerare nelle proprie bucce per una decina di giorni. L'invecchiamento avviene in barriques per un anno e per 8 mesi in acciaio.  

Nel bicchiere caratteristico colore rosso rubino piuttosto intenso con riflessi granato, buona fluidità e limpidezza. Al naso risulta inizialmente vinoso e alcolico, attaccando deciso e un filo acido, lasciandosi ben presto amare grazie alle piacevoli note di frutta rossa e sentori di legno. Pungente e gradevole, non inebriante o particolarmente variegato nella gamma aromatica, ma equilibrato e abbastanza fine. Al palato da il suo meglio, dimostrando a pieno le tipiche caratteristiche che un buon nebbiolo deve dimostrare di possedere. Fluido e di buona freschezza, tannico e leggermente acido, con un finale piuttosto lungo e persistente. Si dimostra vino di carattere e buon corpo, che si regge su un equilibrio instabile, tra acidità e morbidezza, potenza alcolica e dolcezza del fruttato. 

La cosa che più mi colpisce di questo Roero é la capacità di dimostrarsi un vino veramente tosto (per intenderci la mia esclamazione "cazzo che vino" al momento dell'assaggio può essere più esplicativa) ben fatto nella sua semplicità, senza esagerare o caricare troppo il tutto con le note tostate, speziate o di vaniglia ecc.. (cosa che purtroppo molti vignaioli fanno per compiacere il gusto) lasciando intatte e ben in evidenza le caratteristiche del Nebbiolo.

Ad esempio, volendo fare un paragone (anche se é sempre brutto farli) con il Roero 2005 di Crota ed Michel degustato qualche mese fa, questa versione di Almondo si dimostra superiore, perché ci lascia sensazione di avere a che fare con un vino completo e ben fatto, che dimostra personalità, mentre con il pur ottimo "l'Ambisius" si rimaneva con la sensazione di un prodotto ancora in evoluzione, con buone caratteristiche, ma ancora da affinare ed amalgamare. Qui invece ogni tassello é al posto giusto e il vino si dimostra pronto apprezzabile da giovane, ma che ben si adatta a qualche anno di invecchiamento, accompagnato a carne rossa, arrosti e formaggi di media stagionatura. 

14%vol. di gradazione alcolica e costo in enoteca sulle 10 euro, assolutamente ben spese. 

Sicuramente una bella scoperta quella dei vini Almondo, produttori di vini qualitativamente notevoli (i numerosi riconoscimente ricevuti sono più che meritati) ottimi da bere e belli da vedere (stilosa la linea grafica delle etichette) . 

Per recuperare una boccia di questo ottimo Roero vi rimando all'enoteca Modavini. Vende anche on-line... quindi... fatevi sotto.

4 commenti:

  1. ottimo vino ma siamo gia' a 19 euro non piu' a 10 :-)

    RispondiElimina
  2. Non credo.. sei sicuro che non ti confondi con la versione riserva o con la versione "Bric Valdiana"? il Roero base dovrebbe essere ancora sulle 10 mentre gli altri 2 sulle 20 come dici tu.. anzi direi che ne sono quasi sicuro...

    RispondiElimina
  3. hai ragione!!!! mea culpa
    la versione a 19 euro e' il bric valdiana

    RispondiElimina
  4. ieri sera ho bevuto la versione riserva della cascina ca'rossa.. tanta tanta roba sto vino!!

    RispondiElimina

PIACIUTO L'ULTIMO POST?? ALLORA LEGGITI ANCHE QUESTI >>

Clicca sulla foto per accedere al post....

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!

3 PACCHE SULLA SPALLA!! STAPPATI 2015.... ECCO LA PLAYLIST!!
Il solito grande classico di fine anno... puntuale come il mercante in fiera, eccovi la playlist di questo 2015...

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti

GATTINARA RISERVA 2006 - D.O.C.G. - Paride Iaretti
...ritroverete in questo sorso di Gattinara un vino autentico… Il collegamento imprescindibile di vigna, uomo e terra.

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto

VIS 2011 - Barbera d'Asti Superiore D.O.C.G. - Crealto
Ancora Crealto, ancora un grande vino... prendetemi alla lettera, la loro Barbera affinata in terracotta è una chicca che sorprende e affascina...

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione

LA TERRA TREMA 2015 - 9°edizione
"Per noi acquistare una bottiglia di vino, significa acquistare consapevolezza e sapere, oltre che la gioia di godere di un vino come poesia"

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna

PINOT NERO 2010 - Toscana I.G.T. - Voltumna
Se avete passato uggiosi pomeriggi a consumare i vinili di Joy division, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Bauhaus... non potete rimanere indifferenti al pinot nero di Voltumna.

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce

VB1 VERMENTINO 2010 - Riviera Ligure di Ponente D.O.C. - Tenuta Selvadolce
Uno dei migliori assaggi della Riviera Ligure di Ponente... uno di quei casi in cui è il vino nel bicchiere che parla (...anche al posto del vignaiolo...)

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto

ALTEA ROSSO 2012 - Sibiola I.G.T. - Altea Illotto
Serdiana prov. di Cagliari, a pochi metri da dove nasce il vino status symbol dell'enologia sarda, troviamo una bella realtà di bio-resistenza contadina...

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi

RIBOLLA GIALLA 2013 - I.G.P. delle Venezie - I Clivi
Una ribolla che è un soffio di vento... lontani anni luci dai bianchi "tamarrosi" a pasta gialla, tropicalisti, dolciastri, bananosi e polposi.

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine

BARBARESCO CURRA' 2010 - D.O.C.G. - Cantina del Glicine
...piccola, artigianale, familiare, storica… un passo indietro nel tempo... la bottiglia giusta per l'autunno che verrà...

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO 2012 - D.O.P. - Ciro Picariello
Niente enologo, niente concimi, approccio artigianale e tanta semplicità affinché il vino possa esprimere al meglio il territorio. Se dici Fiano, Ciro Picariello è un punto di riferimento assoluto.

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia

DOS TIERRAS 2011 - Sicilia I.G.T. - Badalucco de la Iglesia Garcia
...una fusione eno-culturale vincente, un vino che intriga, incuriosisce e si lascia amare, un vino del sole e della gioia, della bellezza territoriale e popolare che accomuna Spagna e Sicilia.

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori

RENOSU BIANCO - Romangia I.G.T. - Tenute Dettori
...quello che entusiasma del Renosu Bianco è tutto il suo insieme, dalla sua naturalità alla sua originalità, mantenendo una piacevole semplicità nel sorso...

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO

CINQUE VINI, TRE SORELLE, UN TERRITORIO > TUTTI I ROSSI DEL CASTELLO CONTI... IL POST DEFINITIVO
Conosco e bevo "Castello Conti" da alcuni anni, e provo una profonda ammirazione per i loro vini e per il lavoro "senza trucchi" di Elena e Paola. Da una recente visita con degustazione presso la loro cantina di Maggiora, é nata una sorta di collaborazione appassionata, che mi ha permesso di gustare l'intera produzione di rossi del Castello, che oggi in questo mega-post ho il piacere di raccontarvi alla mia maniera...

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!

ACQUISTI IN CANTINA... A VOLTE I CONTI NON TORNANO !!
da "Le vie del vino" di Jonathan Nossiter... < - In cantina questo Volnay, che qui é a 68 euro, ne costa più o meno 25. Quindi non sono i De Montille ad arricchirsi. Ma quando arriva a Parigi o a New York, il vino costa almeno il doppio che dal produttore. - Quindi per noi che abitiamo in Francia val la pena di andare a comprare direttamente da lui. - Si in un certo senso, il ruolo dell'enoteca in città è quello di aprirti le porte per farti scoprire il tuo gusto personale, e di esserti utile quando hai bisogno di qualcosa rapidamente. Poi spetta a te stabilire una relazione diretta con il produttore >

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!

NON STRESSATECI IN ENOTECA !!
...Anche se sono un po’ più giovane e indosso il parka con le pins non significa che entro per mettermi sotto il giubbotto le bottiglie di Petrus fiore all’occhiello della vostra enoteca, quindi evitate di allungare il collo o sguinzagliarmi alle spalle un commesso ogni volta che giro dietro allo scaffale.